L’Espressionismo tedesco all’Accademia di Musica di Pinerolo il 10/3

LA MUSICA SPIEGATA III: ESPRESSIONISMO TEDESCO TRA RIVOLUZIONI E NOSTALGIA
domenica 10 marzo 2019 – h 17:00 – Accademia di Musica
Concerto nell’ambito del Festival Espressionismo Torino
Delian Quartett
Adrian Pinzaru violino
Andreas Moscho violino
Georgy Kovalev viola
Miriam Prandi violoncello
Gabriele Carcano pianoforte

A. Webern, 5 pezzi per quartetto d’archi op. 5
A. Schönberg, 3 pezzi per pianoforte op. 11
D. Šostakovič, Quartetto n. 4 in re maggiore op. 83
J. Brahms, Quintetto in fa minore op. 34

La grande personalità del Delian Quartett ha spalancato ai suoi membri le porte delle più importanti sale da concerto. Ospite stabile di numerosi festival, ha anche all’attivo numerose pubblicazioni discografiche. Gabriele Carcano, docente dell’Accademia di Pinerolo, si è esibito come solista e camerista per le più importanti associazioni italiane ed estere. Fu una vera e propria rivoluzione
musicale quella che Schoenberg e i suoi allievi attuarono all’inizio del novecento, scardinando il sistema tonale e aprendo la via dell’atonalità e della dodecafonia, qui rappresentata dai Cinque pezzi op. 5 di Webern, segnati da atmosfere elusive e rarefatte e dai tre pezzi op. 11 di Schönberg, caratterizzati da un’espressività intensa e lacerata. Fu rivoluzione politica e sociale, quella dell’ottobre 1917, a lasciare ampia traccia di sé nella musica di Dmitrij Šostakovic, che dovette spesso fare i conti con la censura del partito, costringendolo ad alternare uno stile “pubblico” a uno più personale. Ne è un esempio il quartetto n. 4, non a caso eseguito per la prima volta solo dopo la morte di Stalin. Ben altra atmosfera caratterizza infine il quintetto op. 34 di Brahms, opera dalla lunga gestazione, in cui la cui
scrittura epica, i gesti grandiosi di un compositore poco più che trentenne non riescono a mascherare un velo di nostalgia, uno sguardo intimo sul proprio essere che forse è la cifra più vera dell’empatia che quest’opera infonde fin dalla sua apparizione negli ascoltatori.

GLI INTERPRETI
DELIAN QUARTETT
“…eccelle per la sua assoluta vitalità in interpretazioni personali e spontanee dove la musica racchiude una grande energia… Ogni concerto diventa quindi un’esperienza musicale unica…” – Così si esprime la Hessische Rundfunk dopo il primo concerto del delian::quartett. Fondato nel 2007, il delian::quartett raccoglie subito un grande successo di pubblico e critica venendo, dal suo esordio, invitato nei più importanti festival e stagioni d’Europa. Successivamente al grande debutto nel 2009 alla Filarmonica di Berlino, insieme al pianista Manahem Pressler, seguono prestigiosi
inviti nelle più importanti sale e festival d’Europa come: Musikverein e Konzerthaus di Vienna, Konzerthaus di Berlino, Tonhalle di Zurigo, Klavier-Festival Ruhr, Ludwigsburger Schloßfestspiele, Prinzregent Theatre di Monaco di Baviera, Schleswig-Holstein Music Festival. Il delian::quartett si esibisce anche come ambasciatore del Goethe Institut in Africa. Dal 2008 il delian::quartett incide per la casa Oehms Classic e viene regolarmente trasmesso da importanti stazioni radio europee come
SWR,HR,WDR,Catalunya Musica, Radio France, Denmarks Radio, BR, ORF, Deutschladfunk. Nel 2016 esce l’incisione dedicata a Dmitri Shostakovich in collaborazione con il pianista Anatol Ugorski che riscuote grande successo di critica, viene selezionato come Album nella Playlist di Lufthansa Airlines. Il delian::quartett collabora direttamente ed è dedicatario di varie composizioni di compositori
contemporanei come Alberto Colla, Per Arne Glorvigen, Gabriel Iranyi, Christian Jost, Stefano Pierini e Uljas Pulkkis. Il lavoro del delian::quartett è continuamente stimolato da importanti collaborazioni con artisti di fama internazionale. Tra gli ospiti con cui regolarmente il quartetto collabora in varie formazioni cameristiche sono da citare Gilles Apap, Fabio Bidini, Gérard Caussé, die Deutsche Kammerakademie Neuss, Ya Dong, Stella Doufexis, José Luis Estellés, Bruno Ganz, Pavel Gililov, Per Arne Glorvigen, das Henschel- Quartett, Igor Kamenz, Michel Lethiec, Sergei Nakariakov, Adrian Oetiker, Alfredo Perl, Menahem Pressler, David Rott, François Salque, Harald Schoneweg, Dora Schwarzberg, Anatol Ugorski. Dal 2017 il delian::quartett inizia la collaborazione con l’azienda Pirastro diventandone
testimonial. Andreas Moscho ha in dotazione un violino Giovanni Francesco Pressenda dalle famiglie Lödige e Jacoby di Paderborn.

GABRIELE CARCANO
Nato a Torino, inizia lo studio del pianoforte a 7 anni e si diploma con il massimo dei voti a 17 anni, al Conservatorio G. Verdi della sua città, proseguendo poi gli studi sotto la guida di Andrea Lucchesini all’Accademia di Musica di Pinerolo. Dal 2006, grazie al sostegno dell’Associazione De Sono, della Fondazione CRT e del premio Banques Populaires – Natexis, si stabilisce prima a Parigi, dove frequenta i
corsi di Nicholas Angelich presso il Conservatoire National Supérieur de Musique, perfezionandosi con Aldo Ciccolini Marie Françoise Bucquet, e quindi a Berlino. Riceve anche i consigli di pianisti quali Leon Fleisher, Richard Goode, Mitsuko Uchida, Alfred Brendel. Nel 2004 vince il Premio Casella al Concorso “Premio Venezia” e debutta al Teatro La Fenice. La sua carriera l’ha poi portato ad esibirsi in sale e stagioni quali la Tonhalle di Zurigo, la Salle Pleyel, Theatre des Champs Elysées e Cité de la Musique di Parigi, Herkulessaal di Monaco, Musashino di Tokyo,
Konzerthaus di Berlino, Jerusalem Theatre, Società del Quartetto di Milano, International Piano Festival al teatro Mariinsky, Accademia di Santa Cecilia di Roma, Teatro la Pergola – Amici della Musica di Firenze, IUC di Roma, Lingotto di Torino, Auditorium du Louvre; o per il Festival Radio France – Montpellier, Piano aux Jacobins di Toulouse, Caramoor Festival, French May di Hong Kong, Fundacion Scherzo di Madrid, Kissinger Sommer Festival, Mecklenburg-Vorpommern Festival, Rheingau Festival. Nel gennaio 2010 è proclamato vincitore del Borletti Buitoni Trust Fellowship, riconoscimento prestigioso che lo inserisce tra i migliori giovani talenti della scena musicale internazionale, ottenendo un immediato invito da parte di Mitsuko Uchida al festival di Marlboro, a cui ha poi partecipato per quattro edizioni. Ha poi partecipato alle tournée di Musicians from Marlboro in città quali New York,
Boston, Philadelphia, Washington DC, Toronto, Montreal.
Gabriele Carcano ha suonato con orchestre quali Orchestre National de Montpellier, Orchestra da Camera di Mantova, Staatskapelle Weimar, Orchestra Verdi, Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra di Padova e del Veneto, Petruzzelli di Bari, collaborando con direttori come Lawrence Foster, Alain Altinoglu, Stephan Solyom, Ion Marin, Claus Peter Flor, Clemens Schuldt, Federico Maria Sardelli,
Maximilian Emylianichev. Svolge anche intensa attività cameristica, collaborando con artisti quali Marie-Elisabeth Hecker, Quartetto Hermes, Viviane Hagner, Andrea Lucchesini, Lorenza Borrani, Colin Carr, Itamar Zorman e Stephen Waarts.
Il suo primo album, interamente dedicato a lavori giovanili di Brahms, è apparso nell’estate 2016 per l’etichetta Oehms Classics ricevendo recensioni entusiastiche da riviste come Fonoforum, Amadeus, o BBC Radio 3 e il Supersonic Award dalla rivista Pizzicato. Nel 2018 è prevista l’uscita di due album, entrambi per l’etichetta Rubicons Classics: come solista, dedicato a Schumann, e in duo con il
violinista Stephen Waarts. Nella stagione 2017-18 terrà una serie di recitals in Italia (Unione Musicale Torino, Accademia Filarmonica Romana, ecc) e Germania presentando la Sonata “Hammerklavier” di Beethoven ed un nuovo lavoro scritto per lui dal compositore Matteo Manzitti. Sarà inoltre in concerto alla Konzerthaus di
Berlino, Bruxelles, Tel Aviv, Londra, India, Messico e Colombia, debutterà con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna oltre a concerti in duo con Stephen Waarts in Olanda, Belgio, Germania e con Lorenza Borrani in Italia.
Dall’autunno 2015 Gabriele Carcano insegna all’Accademia di Musica di Pinerolo.

BIGLIETTERIA
BIGLIETTI SINGOLI: € 15
RIDOTTO:
• Card Giovani del Comune di Pinerolo: € 5
• Studenti dell’Istituto Musicale Corelli: € 5
• Under 30: € 8
• Abbonamento Musei, Socio Coop, Touring Club Italiano, Associazione Lavoratori Intesa San Paolo – ALI, Unitre,
Proloco, Coro dell’Accademia di Musica: € 12

VENDITA E PREVENDITA
Il servizio di prevendita è disponibile da 2 settimane prima di ogni concerto presso la Libreria Volare. I biglietti sono acquistabili anche mezz’ora prima dell’inizio di ogni concerto presso l’Accademia di Musica. Il posto numerato (abbonamento o biglietto) è garantito fino a 5 minuti prima dell’inizio del concerto; dopo tale orario sarà comunque garantito l’ingresso e sarà possibile usufruire di uno qualsiasi dei posti ancora liberi.
GIFT CARD: € 30
Acquista la tua Gift Card per fare un regalo speciale o per regalarti tre serate all’insegna della musica. Ogni Gift Card dà diritto all’ingresso a tre concerti a scelta della Stagione concertistica 2018/19 presso l’Accademia di Musica. Puoi acquistarla presso i nostri uffici (viale Giolitti, 7 – Pinerolo) dal 19/9/2018 fino a fine marzo 2019.

Copia di lavanderia fiorella LOGO nuovo
pineroloplay autospot facebook